Maria Grazia Vai

Maria Grazia Vai, di padre Veneto e madre Siciliana.

Nasce nell’agosto del 1964 e vive tuttora in una piccola provincia del Pavese, all’interno del parco del Ticino.

Presente con le sue opere in diversi blog e Reading di poesia, insieme alle figlie di Alda Merini (Emanuela e Barbara Carniti) e di Alessandro Quasimodo, figlio del Nobel Salvatore Quasimodo. Unisce la poesia alla musica, in collaborazione di artisti e compositori tra cui il pianista Stefano Ottomano, Gianluca John Attanasio, Andrea Gherardi, Luca Pina e alla pittura nei diversi Vernisage, col Lorenzo Maria Bottari (autore della copertina della sua silloge Aldebaran), Vittoria Salati, Antonio Molinari, Alberto Bongini (autore delle copertine di Amore e Conchiglie d’Autore), Carlo Cordua (autore della copertina di Mia Luna) e di Sergio Riviera (autore della copertina di Oblivion). La copertina di questa silloge è stata realizzata dalla Pittrice Rita Camillo.

Da diversi anni è membro di giuria di importanti concorsi letterali e interprete delle poesie vincitrici. Nel settembre 2011 vita alla prima di tre edizioni del Premio nazionale Poesia sotto le stelle, un evento culturale organizzato e presentato al pubblico in uno scenario alternativo e molto suggestivo: sulla spiaggia al tramonto ai bordi del mare. Nel 2012 è curatrice del concorso nazionale di narrativa “Sfumature in Jazz”. Nella Giornata mondiale della poesia del 2013 è curatrice e ideatrice dell’evento “Sognando L’infinito Tributo a Giacomo Leopardi”; nel 2014 dell’evento “Il ventuno a primaveraTributo ad Alda Merini” i cui fondi sono stati devoluti a favore della Fondazione Mike Bongiorno, mentre quella del 2015 è dedicata e in “Tributo a Oriana Fallaci” destinando parte dei proventi all’Associazione Donne & Lavoro. Dal marzo del 2016 è fondatrice e presidente del Premio Internazionale d’Arte “La couleur d’un poème“: evento culturale promosso dalla sua etichetta ImmagineArte, giunto alla sua quinta edizione, a sostegno di progetti solidali in favore di associazioni a tutela di bambini orfani, centri antiviolenza e fondazioni a sostegno delle donne in stato di fragilità.

 

Lascia un commento